Archivi

Tiangong: Pasqua e fuochi cinesi

Tra qualche giorno la stazione spaziale cinese Tiangong-1 entrerà nell’atmosfera terrestre disintegrandosi, speriamo per gran parte della sua mole.
Per l’occasione ho predisposto il mio sistema per la ricezione meteor-scatter VHF tramite il radar GRAVES, in modo da provare a ricevere un’eco radio prima della totale disintegrazione della stazione. In questo caso, visto che attualmente l’altezza della Tiangong è di soli 250 km circa, ci si aspetta una prima riflessione di tipo Airplane scatter, ossia una riflessione sulla superficie metallica della stazione spaziale, simili a quelle viste spesso con la ISS. In seguito, durante il momento di attrito con l’atmosfera terrestre, a seconda della velocità di discesa, forse sarà possibile rivelare l’eco dovuto alla ionizzazione dell’atmosfera stessa.
tiangong_2018_thumb660x453
Alla solita pagina Meteors Radar è possibile vedere la schermata aggiornata ogni 6 minuti dello spettro radio preso in esame a 143.050 MHz. E’ inoltre possibile ascoltare gli echi meteorici cliccando al link suggerito in alto nella stessa pagina.
Seguirà un eventuale aggiornamento sperando che la Tiangong si schianti in mare aperto.
Qui sotto una immagine delle zone dove potrebbe rientrare la stazione spaziale in Europa.
Tiangong1-Reentry-Bands-Europe

11 reports from Canada WSPR 630m, VE9GJ

First MF TA of 2018

On the night of February 14th my first TA of 2018 on 630 meter band.
IK0VVE_TA_2018_02

In the same night my first two USA stations have been received at Ripoli remote station with call IK0VVE/0
IK0VVE0_TA_2018_02

Ready for another trip to Mars!


MaxMarte

SID event: February 10th 2018

Comparison between the “light” C4.6 event recorded by the NOAA and the signals received on the VLFs.
SID10022018

IW4DXW 8270 Hz Carrier detected – Italian VLF QRB Record

After months of test I finally detected the VLF carrier signal from Riccardo IW4DXW.
Today, probably thanks to a particular propagation condition on VLF, was possible for me to “read” during the entire daylight the signal from Riccardo’s transmitter. Unfortunately with the first rain drops the signal was cancelled from my spectrogram. But I don’t know if this is the real cause of the signal disappearance.
Here the detail of captured spectrogram where is possible to see the weak signal.
IW4DXW8k
Blue arrow for the trace, the red one the signal peaking.

The distance from me and Riccardo is about 385 km, 10 km more than fromRenato Romero that received and decoded some EbNaut signal from IW4DXW.
To receive the 14uW radiated from Riccardo’s antenna I’ve used a 40 turns loop on NW-SE orientation.
loopVLF ik0vve

On top is possible to see a whip antenna always for VLF, I’ve tried to use both antennas together, but their proximity caused some problem mixing the signal of the whip in the loop and viceversa. So the next step will be to separate them.
Despite the nice free space that you can see on the photo I’ve a large amount of manmade noise from houses on the environs and this is a real big problem for my radio activity, especially for very weak signal reception.

Receiving DK7FC on 17 km band

In these days Stefan DK7FC is transmitting with a special license on 17470,1 Hz a CW signal. I and other Hams are trying to receive his signal.
I already received Stefan’s signal on 8 kHz with a 47 uHz waterfall grabber, now I successfully tryied also a 424 uHz grabber.
Here is an image of the signal:
VVE_vlf3
In this page http://www.ik0vve.net/?page_id=377 is possible to see my online grabber updated every 30 minutes.
To receive the transmission I’m using the MF-LF TX antenna because the whip and loop rx antennas are not installed at the moment. The antenna is connected to the sound card of the PC by a 1:1 trafo without any preamplifier.

VLF e Inquinamento elettromagnetico

Questo pomeriggio, durante un forte nubifragio con tanto di fulmini, l’energia elettrica del quartiere è venuta a mancare per circa 40 minuti. Questo proprio mentre lavoravo al mio sistema di ricezione per le VLF. Dopo un primo classico disagio, come quando si avverte sete se manca l’acqua corrente, ho voluto fare dei brevi test sulla ricezione in banda VLF (0-23 kHz), ricezioni rese di solito difficoltose a causa del forte inquinamento elettromagnetico che ormai proviene dalle più disparate apparecchiature, anche abitando in una zona semi rurale. Infatti inverter, lampade a LED (gli alimentatori di queste), caricabatterie, TV al plasma e molto altro ancora, emettono intorno a noi kilowatt e kilowatt di energia sprecata in radiazioni inutili in barba alle classi energetiche A, A+ e chi ne ha più ne metta.

Questo problema, serio da un punto di vista anche della salute se vogliamo, cammina di pari passo con l’inquinamento luminoso che affligge ad esempio gli astrofili, negando a molti la possibilità di osservare il cielo anche con apparecchiature molto costose. 

Tornando alle nostre indesiderate emissioni radio e a questo pomeriggio, grazie al temporale, ho potuto provare a ricevere sulle VLF con le sole batterie e visualizzare effettivamente cosa c’era “in aria” in quel momento senza tutte queste interferenze. In pratica è stato come se ad un certo punto avessero spento l’interruttore del quartiere consentendo di vedere migliaia e migliaia di stelle in più ad occhio nudo.

Le apparecchiature usate per la prova, alimentate a batteria, sono state il mio ricevitore VLF whip per il campo elettrico, costituito da uno stilo di circa due metri ed un amplificatore ad alto guadagno e basso rumore. Il segnale è stato iniettato direttamente nella scheda audio del mio portatile senza nemmeno usare un trasformatore di isolamento. Prima della prova “strumentale” ho effettuato un ascolto in cuffia ed effettivamente il classico “hum” delle interferenze elettriche era bassissimo, non nullo perché comunque a pochi chilometri l’energia elettrica era attiva, inoltre in casa ho un piccolo UPS che uso per il PC del meteor scatter ed il modem internet e probabilmente qualche rumorino lo caccia anche lui.

Quella che segue è l’immagine dello spettrogramma poco prima che tornasse l’energia elettrica: 
capt1711131820

Come si può vedere a parte due sottili righe a 9 e 10 kHz circa e delle righe sotto i 2 kHz la banda è praticamente pulita. Le righe verticali sono i fulmini che si scaricavano a terra durante la ricezione, sono stati veramente molti. Nell’audio si avvertivano i classici “tweeks” caratteristici di questa banda. Le linee tratteggiate sono le stazioni Alfa della Russia che servono per la radionavigazione. Quelle più spesse in alto sono altre stazioni radio militari.

Dopo qualche minuto è tornata l’energia elettrica di rete e quello che vedete qua sotto è quello che si riceve quando tutte le apparecchiature spazzatura si sono rimesse in moto… 

capt1711131821

A voi la scelta di cosa accendere e cosa acquistare la prossima volta.

Orionids shower 2017 time lapse video and images

Here some of the best images from Orionids shower of this year and a time lapse video of the shower period:

ab Meteor20171021061118 Meteor20171021081645 Meteor20171021084103 Meteor20171021231117 Meteor20171022053538 Meteor20171022064125 Meteor20171022072940 Meteor20171022122957 Meteor20171022221744

Friends link about this event:

IU3IOU Giorgio
IK0OZK Renato

Tentativo di ricezione eco dell’asteroide 2012 TC4

Questi giorni si avvicinerà alla Terra l’asteroide 2012 TC4 ad una distanza veramente minima per un oggetto spaziale, domani alle 7:42 ita il picco di massimo avvicinamento.

Animazione asteroide - NASA

Con quasi le stesse modalità del sistema meteor scatter sto provando a ricevere sulla frequenza del GRAVES l’eco dell’asteroide che transiterà a circa 42000 Km da noi. L’esito della prova è alquanto incerto poiché l’asteroide ha un diametro di “soli” 20 metri e passerà prevalentemente nell’emisfero sud quindi un pò fuori dalla finestra del trasmettitore.

Alla solita pagina http://www.ik0vve.net/?page_id=745 è possibile, rumori vari permettendo, visualizzare alcuni grafici adattati per l’evento.
Il primo grafico in alto è lo spettro radio a 143.050 MHz, frequenza di trasmissione del GRAVES, il 24h meteor strip è stato adattato per una maggiore visualizzazione. Ogni strip è di sole 4 ore e non 24 e la larghezza di banda è di 5 kHz. Tutto questo dovrebbe far vedere, in caso di eco, una linea curva che dalle frequenze più alte scende fino a scomparire sotto lo zero.

Vedremo domani se e cosa il sistema avrà registrato.WhatsApp Image 2017-10-11 at 14.58.14